La forma dell’acqua: una fiaba nera.

La forma dell’acqua: una fiaba nera.

La forma dell’acqua, l’ultima opera del regista Guillermo del Toro è riuscita ad aggiudicarsi ben 4 premi Oscar 2018 tra cui Miglior film, Miglior regia, Miglior colonna sonora e Miglior scenografia, contando ben 13 nomination. Non da meno, ha vinto il Leone d’oro al miglior film.
È il film di cui si sta parlando di più attualmente, del quale però non viene data l’onorificenza di “capolavoro”. In questa sede cercherò di esprimere la mia personale opinione, descrivendo le mie impressioni. Continue reading “La forma dell’acqua: una fiaba nera.”

Annunci

Oceania: il classico Disney moderno.

Oceania: il classico Disney moderno.

Da qualche anno a questa parte è sempre più evidente come la Disney abbia intrapreso una nuova strada nella produzione dei suoi classici, senza però chiudere la porta a quelli che sono stati i temi tanto cari e apprezzati dal pubblico: Rapunzel (2010) e Frozen (2013) in particolare, hanno dimostrato una volontà di cambiamento da parte dello studio, riuscendo nell’ardua impresa di iniziare questo percorso. Continue reading “Oceania: il classico Disney moderno.”

L’odio: the only direction we flow is down.

L’odio: the only direction we flow is down.

 

Questa è la storia di un uomo che cade da un palazzo di 50 piani. Mano a mano che cadendo passa da un piano all’altro, il tizio per farsi coraggio si ripete: “Fino a qui, tutto bene. Fino a qui, tutto bene. Fino a qui, tutto bene.” Il problema non è la caduta, ma l’atterraggio.

 

Mathieu Kassovitz, alla sua seconda opera, ci porta a conoscenza della vita di strada delle periferie francesi. Da un fatto realmente accaduto, Kassovitz ne trae L’odio (1995). Continue reading “L’odio: the only direction we flow is down.”